Chiesa di San Giovanni a Corte

La chiesa fu costruita, probabilmente, alla fine del IX sec., anch’essa nei pressi del Palazzo dei Principi Longobardi, con un impianto originario non molto dissimile da quello di S. Michele a Corte (navata unica absidata, preceduta da un nartece a tre fornici). L’edificio ha subito numerosi rimaneggiamenti, rendendo così difficile una lettura delle sue stratificazioni. 
La chiesa volge le spalle all’area palaziale; è stato, però, proposto che il suo prospetto originario fosse rivolto verso il Palazzo dei Principi a sud, e che quindi l’asse ingresso-altare abbia subito un ribaltamento in seguito ad una successiva trasformazione.

Attualmente l’edificio ha veste settecentesca: la facciata ha un ordine composito gigante di quattro lesene su di un alto basamento, che sorreggono un timpano acuto, al di sotto del quale si apre un finestrone. Il portale è privo di ornie ed ha, al di sopra, un modesto affresco con S. Giovanni in una cornice quadrilobata. La chiesa non ha più l’abside rivolta ad est, ma la cripta, che contiene elementi dell’antica struttura come i resti di un’absidiola e di affreschi alto-medievali. Gli importanti frammenti sculturali ritrovati nella cripta, di grande interesse per la storia della scultura longobarda, sono oggi conservati nel Museo Campano.

Bibliografia: Capua Architettura e ArteCatalogo delle opere vol. I – II, Pane G. – Filangieri A., 1990.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close